venerdì 24 febbraio 2017
Comune di parcoasinara in Continuità Operativa
KeyArea:

P.O. FESR 2007-2013 - asse IV “ambiente, attrattività culturale e turismo” – Linea di attività 4.1.2.b. monitoraggio degli habitat e delle specie delle Direttive Habitat e uccelli interessanti il SIC a mare e le ZPS agli stessi eventualmente sovrapposte, coincidenti con il perimetro dell’Area Marina Protetta “Isola dell’Asinara”


Il principio dell'integrazione delle esigenze in materia di ambiente nelle politiche dell'Unione Europea è ormai un principio costituzionale per l’intera Europa. L’art. 6 del Trattato di Amsterdam (1998), dice che “le necessità della protezione ambientale devono essere integrate nella definizione e implementazione delle politiche e delle attività comunitarie (…), in particolare con l’ottica di promuovere lo sviluppo sostenibile.”. E’ così stabilito il “Principio d’integrazione” secondo il quale la protezione ambientale non va considerata come una politica settoriale, ma come un denominatore comune per tutti i settori. Tale principio è stato confermato nel trattato sull'Unione europea (articolo 130 R, paragrafo 2) che stabilisce che "le esigenze connesse con la tutela dell'ambiente devono essere integrate nella definizione e nell'attuazione delle altre politiche comunitarie". Inoltre le recenti indicazioni riportate nel D.L. n. 4 del 16 gennaio 2008 impongono alle regioni di dotarsi “entro dodici mesi dalla delibera di aggiornamento della strategia nazionale di cui al comma 3, …, di una complessiva strategia di sviluppo sostenibile che sia coerente e definisca il contributo alla realizzazione degli obiettivi della strategia nazionale. Le strategie regionali indicano insieme al contributo della regione agli obiettivi nazionali, la strumentazione, le priorità, le azioni che si intendono intraprendere. In tale ambito le regioni assicurano unitarietà all'attività di pianificazione. Le regioni promuovono l'attività delle amministrazioni locali che, anche attraverso i processi di Agenda 21 locale, si dotano di strumenti strategici coerenti e capaci di portare un contributo alla realizzazione degli obiettivi della strategia regionale.”

 


A partire da questo contesto il Piano di Azione Ambientale Regionale (PAAR) della Sardegna risulta uno strumento di attuazione delle politiche ambientali, conferendo unitarietà ed efficacia alle azioni realizzate dalla Regione stessa.

Il PAAR vuole contribuire a perfezionare il processo di convergenza tra gli strumenti della programmazione dello sviluppo e quelli del governo del territorio che hanno nella sostenibilità ambientale il denominatore comune. Dal punto di vista metodologico l’integrazione delle politiche pubbliche e la strategia di governance sono i due aspetti fondamentali che consentono di promuove l’integrazione orizzontale e verticale delle politiche ambientali. Il PAAR si configura dunque come strumento di azione in materia ambientale destinato a fornire usupporto per il raggiungimento degli obiettivi ambientali.

 

 

       



Workshop - Porto Torres 10 dicembre 2013